Pubblicato il 24/10/09e aggiornato il

A rischio (solo) 700.000 posti di lavoro


«Noi pensiamo che la situazione sia complessa, difficile, ma non vediamo panico e non vediamo catastrofi».
Parole queste dette dal presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, a proposito della «stima di un milione di aziende» a rischio di cui ha parlato ieri la piccola industria.
Marcegaglia ha anche sottolineato e ribadito che «la stima ufficiale del centro studi di Confindustria è che si perderanno 700 mila posti di lavoro e non 4 milioni come ha detto la Cgil»(questa si che è una buona notizia, ci saranno solo 700.000 famiglie in mezzo a una strada!).
Intanto giovedi c'è stato l'annuncio di Berlusconi sul progressivo taglio dell'Irap.
L'Irap (Imposta regionale sulle attività produttive) colpisce, in termini generali, il reddito prodotto al lordo dei costi per il personale e degli oneri e dei proventi di natura finanziaria.
E' sicuramente una tassa odiosa perché incide sul costo del lavoro e fa pagare le tasse anche alle aziende in perdita.
Considerate però che la suddetta tassa crea, annualmente, un gettito di circa 40 miliardi di euro(si pensi che il debito pubblico Italiano è pari a 1.752,2 miliardi di euro), gran parte dei quali investiti dalle regioni nei servizi per la sanità.
Sicuramente togliere l'Irap consentirà alle industrie di risparmiare e ai lavoratori di avere qualche euro in più in busta paga...ma cosa accadrà quando dovremo fare una visita medica???


0 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Il presente blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.
Le immagini presenti sul blog appartengono ai rispettivi proprietari e verranno rimosse in seguito a specifica richiesta.